Oggi è la Giornata Mondiale del Cane: scopri come avere una casa “Pet-Friendly”

Amici di Carlottissima!

Progettare una casa adatta per i nostri amici a quattro zampe può sembrare semplice e banale, ma nasconde varie insidie: una casa a prova di animale domestico richiede qualche sacrificio e qualche piccola rinuncia, ma per chi ama il proprio amico peloso questo non è certo un problema.
Ecco allora i consigli degli esperti di habitissimo per avere una casa pet-friendly.


SICUREZZA ED IGIENE PER I PAVIMENTI:
Per quanto riguarda i pavimenti, i materiali più adatti sono quelli resistenti ai graffi e facili da pulire.
Le piastrelle in ceramica o il grès sono perfetti perché hanno queste caratteristiche e hai tantissime possibilità di scelta tra formati e colori e inoltre si tratta di un pavimento fresco che i cani apprezzano molto in estate; semaforo verde anche per i pavimenti in cemento, in resina o in PVC.
Il parquet invece non è la pavimentazione più consigliata se si hanno animali in casa perché la superficie sarebbe presto ricoperta di graffi.
No alla moquette, che rischia di favorire il proliferare di germi nocivi sia per l’uomo che per l’animale causando la formazione di cattivo odore.
Non particolarmente adatti anche i pavimenti in pietra naturale ed il marmo, che possono macchiarsi.

SPAZIO, AD OGNUNO IL SUO:
Anche per chi ha un rapporto con il proprio cane molto stretto, è giusto che l’animale abbia uno spazio tutto per sé, dove stare durante il giorno e soprattutto dove dormire: deve essere un luogo accogliente, dove sentirsi protetto ma non necessariamente una classica cuccia.
L’ideale è scegliere un angolino intimo e posizionare un cuscino morbido: il nostro cane si sentirà a proprio agio e potrà riposare comodamente. Letto e divano ringraziano!

TESSUTI FACILI DA PULIRE:
Nota dolente in una casa con cani sono i tessili: trovare peli ovunque è un grande classico, ma non è molto piacevole, soprattutto per gli ospiti.
I rivestimenti in ecopelle o in pelle sono una buona opzione per i divani, perché sono materiali resistenti, non assorbono gli odori e possono essere facilmente puliti.
I tessuti invece si impregnano facilmente dell’odore degli animali e si macchiano in fretta se entrano spesso in contatto con l’ amico a quattro zampe; se si preferisce il tessuto per divani, poltrone ed altri mobili imbottiti, è bene assicurarsi che il rivestimento sia sfoderabile e lavabile in lavatrice oppure che sia antimacchia.
I colori chiari sono da evitare, ma il trucco per far apparire meno le tracce dell’animale domestico è quello di scegliere cuscini dello stesso colore del cane in modo che i peli non siano immediatamente visibili.
Per quanto riguarda i tappeti, è scontato dire che sono a rischio con un cane in casa: optare per tappeti economici a tessitura piatta è una soluzione per non vedere dei graffi irreparabili.

ATTENZIONE ALLE PIANTE TOSSICHE:
Forse non tutti sanno che alcune piante da appartamento possono essere molto pericolose per i cani, nonostante il loro fiuto li faccia allontanare spontaneamente da quelle “nemiche”; non è necessario privarsene, ma è bene che non siano raggiungibili dagli animali, per esempio con una sorta di serra interna in cui tenere le piante.
Tra le piante tossiche o velenose per gli animali, se ingerite o per semplice contatto, ci sono dieffenbachia, ortensia, rododendro, lilium ed in generale bulbi e rizomi delle liliacee.
Attenzione anche alle piante del periodo natalizio tra cui poinsettia (stella di Natale), vischio e agrifoglio.

UNO SPAZIO APERTO PER FARLI FELICI:
Ogni essere vivente, noi compresi, ha bisogno del contatto con la natura e per gli animali questa necessità è ancora più sentita.
Per i cani il contatto con la terra è fondamentale, ma anche la possibilità di muoversi in libertà in spazi ampi, soprattutto se si tratta di razze di grossa taglia; per questo motivo le case con giardino sono ovviamente lideale.

INSTALLARE UNO SPORTELLO:
La libertà dei cani è fondamentale per il loro benessere: chi ha cani e uno spazio aperto in casa può pensare di installare uno sportello che permetta all’animale di uscire e rientrare quando lo desidera e senza doversi sempre fare aiutare.
Si può realizzare sui vetri di una portafinestra oppure sulle porte in legno o sulle zanzariere, ma ci si dovrà assicurare che i cani non corrano rischi uscendo da una apertura tutta per loro.
Per un controllo maggiore ci sono modelli con il timer che consentono di impostare orari di entrata e uscita oltre a quelle controllate da microchip.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...